Zimbabwe, lotta al colera: grazie a Gavi, i 54.407 residenti di Chegutu ricevono la vaccinazione

Zimbabwe – Grazie a Gavi, l’Alleanza dei vaccini, 54 407 persone a Chegutu hanno ricevuto la vaccinazione gratuita contro il colera.

La campagna di cinque giorni di vaccinazione orale contro il colera è stata condotta dal Ministero della salute e dell’infanzia (MoHCC) e dal Consiglio del distretto rurale di Chegutu con il sostegno dell’UNICEF e dell’OMS.

La campagna di Gavi in Zimbabwe è stata effettuata come misura preventiva per ridurre il rischio di un’epidemia di colera

La campagna di vaccinazione orale è stata condotta dal 17 al 22 novembre 2020, rivolta a persone dai 12 mesi in su.

La campagna ha fornito anche altri servizi di routine di immunizzazione e nutrizionali come il morbillo, la polio e gli integratori di vitamina A.

Durante la campagna, le comunità sono state anche incoraggiate a proteggersi dal colera aderendo a pratiche corrette di sicurezza alimentare e a una buona igiene personale.

“Questa è la cosa migliore che il MoHCC abbia fatto per noi e un intervento molto necessario nella nostra comunità”.

Abbiamo visto fin troppi decessi per il colera dall’epidemia del 2008, in particolare nelle zone dove c’è scarsa disponibilità di acqua, quindi questo almeno proteggerà noi e le nostre famiglie”, ha fatto eco alla sessantunenne Eager Jacha quando è arrivata per la sua dose.

“Se ci si imbatte in una campagna del genere, bisogna solo farne parte”.

Questi sono professionisti medici e non porterebbero solo qualcosa che non va a beneficio della comunità”, ha aggiunto un altro beneficiario Stephen Kandodo, un trentenne della stessa zona.

Chegutu (Zimbabwe) è stato identificato come un distretto chiave nella strategia nazionale di eliminazione del colera

Dodici (12) punti sono stati istituiti in tutta Chegutu per garantire che le persone non debbano percorrere lunghe distanze a piedi per accedere ai vaccini.

Inoltre, il distretto è sempre stato un punto caldo per il colera nel corso degli anni.

Urban Chegutu è stato il più colpito durante l’epidemia di colera del 2018 in Zimbabwe.

Il primo, è stato attribuito principalmente alla scarsa disponibilità di acqua e alla gestione dei rifiuti di Chegutu.

“Questo è stato un programma in ritardo perché, come sapete, Chegutu è stato uno dei distretti più colpiti durante l’epidemia di colera del 2008/18, con molti decessi anche registrati.

Questa è una prova sufficiente per dimostrare che avevamo bisogno del programma”.

Guardando anche alla stagione in cui stiamo entrando, è la stagione in cui abbiamo costantemente registrato un numero elevato di epidemie di colera a causa delle piogge”, ha detto Farayi Marufu, infermiere provinciale, Mashonaland West.

“La vaccinazione non è la panacea per il controllo del colera, quindi dobbiamo ancora implementare le altre misure di prevenzione e controllo del colera, come la fornitura di un’adeguata fornitura di acqua non contaminata, servizi igienici, igiene personale e lavaggio delle mani, tra gli altri.

La vaccinazione svolge un ruolo complementare” ha osservato il dottor Maxwell Rupfutse, responsabile nazionale dell’OMS per il programma esteso sull’immunizzazione.

Zimbabwe, la donazione delle dosi di vaccino anti-colera da parte di Gavi

La campagna è stata sostenuta da una donazione di 2,8 milioni di dosi di vaccini anti-colera da parte di Gavi attraverso l’International Cholera Group (ICG).

I vaccini hanno coperto i punti caldi del colera ad Harare, le comunità colpite dal ciclone Idai a Chimanimani e infine l’ultimo lotto è stato utilizzato a Chegutu.

Inoltre, 24 operatori sanitari sono stati formati in preparazione della campagna di vaccinazione orale a Chegutu.

Il 16 novembre 2020 gli operatori sanitari sono stati sensibilizzati sul rafforzamento della risposta integrata alle malattie e alla sorveglianza (IDSR).

La formazione ha riguardato principalmente la gestione e la risposta alle malattie prevenibili con il vaccino, altre malattie epidemiche come il colera, il tifo e il Covid19.

Per approfondire:

Zimbabwe, nuovo atto di forza del Presidente Mnangagwa: medici militari, o non potranno lavorare negli ospedali statali

Fermare il colera, Harvard Medical School: “scoperto un nuovo bersaglio vaccinale”

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale WHO Africa

I commenti sono chiusi.