Scroto

Definizione

Lo scroto è la sacca che racchiude i testicoli, gli elidimi e la parte iniziale del funicolo spermatico.

Struttura

Lo scroto è suddiviso in due cavità (destra e sinistra) per mezzo di un setto mediano. L’involucro posto nella parte inferiore al pene, appare come una voluminosa sporgenza dove si evidenzia un’estremità inferiore chiamata fondo, slargata e libera, ed una superiore o radice, che è più ristretta e aderente alla superficie del pube.

La forma e le dimensioni dello scroto possono variare a seconda dell’età e di altri fattori: temperatura, svariati stati emotivi e malattie. Spesso nei bambini lo scroto prende una forma globosa e consistente, si allunga poi nell’adulto diventando ovoidale, infine si manifesta piriforme e flaccido nell’anziano. L’allungamento dello scroto nei soggetti giovani spesso è dovuto a: febbre, malattie debilitanti o alta temperatura ambientale. Può anche accadere, in casi di bassa temperatura ambientale che la borsa scrotale si ritiri. In generale la metà sinistra della sacca è più allungata a causa della asimmetria di posizione dei due testicoli.

Sulla superficie esterna, lungo la linea mediana, si può notare una sottile cresta longitudinale, detta rafe, che prosegue continuando in avanti sulla superficie dorsale del pene, e indietro lungo il perineo fino all’ano. Il rafe corrisponde alla parte esterna del setto scrotale. La somministrazione di testosterone prolungata nel tempo, può provocare una restrizione dello scroto causata dall’interruzione della produzione naturale del testosterone. Alcuni atleti che abusano di simili prodotti, potranno vedersi ridimensionare la borsa scrotale addirittura in modo irreversibile e drammatico.

I commenti sono chiusi.