Comparativa delle scarpe antinfortunistiche da ambulanza

Scarpa antinfortunistica per il lavoro duro in ambulanza? FOXCOT è la risposta

Tester: Roberto Caddeo
Ruolo: soccorritore dipendente della Croce Blu di Brescia.

Il mio lavoro nel 118 avviene in un’area molto grande e complessa, dalla prima periferia cittadina di
Brescia fino all’area del Lago di Garda. Abbiamo difficili interventi in cantiere e aree urbane, un mix di
zone con scarsa accessibilità. Per questo servono scarpe che aiutino a muoversi molto. Tutti gli operatori del 118 hanno bisogno di trovare calzature comode, resistenti e sicure. Questi tre fattori hanno tutti una discreta presenza nelle scarpe antinfortunistiche FOXCOT RA061-1 S3 SRC.
Il primo fattore interessante è che queste scarpe non sembrano al primo impatto delle antinfortunistiche
classiche. Il design è moderno, l’uso dei colori e del pellame le fa assomigliare più a scarpe da trekking
che a classici scarponi protettivi.

scarpe-foxcot-post-interventoQuello di cui ho bisogno quando opero è uno scarponcino molto comodo e leggero per fare turni anche lunghi (8-12 ore) ma che deve essere protettivo e comodo per la caviglia, vista la posizione in cui si rimane seduti, spesso, in ambulanza. Le scarpe devono anche essere poco ingombranti per guidare i mezzi di soccorso. Noi abbiamo solo dei mezzi compatti, Volkswagen T6, che quindi hanno una pedaliera più automobilistica che da furgone.

Impressioni con ai piedi le FOXCOT RA061-1 S3 SRC

Queste FOXCOT sono scarpe da ambulanza interessanti da provare nei lunghi servizi invernali. Alla prima calzata la scarpa è subito risultata morbida. E’ un grosso vantaggio poter avere scarpe da lavoro comode fin dal primo momento, ma questo pregio potrebbe diventare un difetto dopo un lungo tempo di impiego. Fin da subito però si ha a che fare con il comfort, in ogni frangente. La scarpa non è troppo alta, quindi non gratta il polpaccio, e neppure troppo bassa. La caviglia è fasciata e protetta dagli urti anche senza evidenti rinforzi, tranne che per gli inserti sul collo del piede, molto intelligenti. Come detto, nella camminata e nell’attività di recupero dei pazienti, lo stile e la conformazione da trekking aiutano parecchio. Il tallone è molto ben ammortizzato e questo facilita lo scarico del piede.

Quando bisogna saltare un fosso, o affrontare un terreno impervio, questo pregio si fa sentire. Anche la
suola con il lato rifrangente e il colore arancione ben evidente è molto apprezzata. La gomma antiscivolo fa sempre il suo dovere e il disegno della suola garantisce un buon grip. Il pellame è di buona fattura, al tatto, ed è ottima la resistenza all’acqua. In generale la qualità del prodotto è buona rispetto al prezzo d’acquisto.
Apprezzo molto l’imbottitura perché avere scarpe calde d’inverno è fondamentale. Un punto in più per la qualità della linguetta. La conformazione dei lacci invece li fa risultare difficili da sostituire. In generale comunque, la scarpa mi ha fatto una buona impressione. Il primo lavaggio non ha dato segni di cedimento o problemi. Non essendo una scarpa in cuoio lucido, la detersione deve essere un po’ più delicata che con altre tipologie di calzatura.

  • QUALITÁ – Alta protezione e comodità 4/5
  • COMODITÁ – Da subito morbido, positivo 4/5
  • RESISTENZA – Fattura pregevole, ma ho dubbi sui lacci 3/5
  • DESIGN – Bella ed elegante nonostante sia una scarpa antinfortunistica 4/5

 

I commenti sono chiusi.