COVID-19, da Harvard Medical School tre studi sulla protezione della placenta durante la gravidanza

COVID-19 ha destato vive preoccupazioni anche relativamente alle donne in gravidanza: quali effetti sul feto di un possibile contagio? Quale ruolo della placenta, vero filtro mamma-bambino?

Harvard Medical School si è chiesta, a tal proposito, quale meccanismo consenta che il 95% dei neonati nati da madri infettate da COVID-19 sia negativo, che la maggior parte dei neonati Covid+ sviluppi infezioni lievi o siano del tutto asintomatici, o che di rado necessitino di ventilazione meccanica.

Tre nuovi studi condotti dai ricercatori della Harvard Medical School del Massachusetts General Hospital e del Boston Children’s Hospital forniscono informazioni su ciò che potrebbe accadere.

Placenta barriera antivirale per COVID-19

Il primo studio, pubblicato nell’ottobre 2020 sulla rivista Placenta, ha esaminato come la placenta, l’organo complesso e poco compreso che collega il genitore al feto, risponde al coronavirus stesso.

La prima autrice Elizabeth Taglauer, istruttrice di HMS in pediatria e immunologa della placenta presso Boston Children’s, e l’autore senior Elisha Wachman presso la Boston University School of Medicine e il Boston Medical Center hanno seguito le donne incinte con COVID-19 e hanno studiato una varietà di campioni materni e fetali, tra cui la placenta scartata dopo il parto.

I risultati del team indicano che COVID-19 può penetrare solo parzialmente nella placenta

Anche quando i neonati non erano infetti, i ricercatori hanno rilevato la SARS-CoV-2 spike protein nei villi placentari, in particolare nello strato più esterno, che entra in contatto diretto con il sangue della madre ed è la prima barriera che il virus deve attraversare per passare dalla madre al feto.

I ricercatori hanno anche scoperto che l’ACE2, il recettore primario della SARS-CoV-2, era presente in questo strato placentare a livelli più bassi nelle madri infette rispetto a quelle non infette.

Taglauer prevede di indagare se la placenta downregola l’ACE2 come misura protettiva contro l’infezione.

I ricercatori hanno trovato TMPRSS2, un’altra proteina che il virus usa per entrare nelle cellule, nei tessuti placentali delle madri infette e non infette a livelli più bassi rispetto all’ACE2.

Questo suggerisce che il virus utilizza altri recettori per penetrare la placenta-un’altra domanda per ulteriori esplorazioni.

Taglauer e Wachman stanno ora collaborando con Jeffrey Moffitt, assistente professore di microbiologia e di pediatria alla HMS di Boston Children’s, per analizzare ogni cellula all’interno dei tessuti placentali delle madri infette e non infette e profilare i geni importanti per COVID-19.

Utilizzeranno una tecnologia chiamata MERFISH, che permette di visualizzare direttamente l’RNA.

Nel frattempo, Taglauer e Wachman hanno costruito un biorepository di quasi 80 placente da madri positive a COVID-19 e lo hanno reso disponibile come risorsa per gli altri.

I ricercatori sperano che il lavoro non solo porti a una migliore cura per le persone incinte, ma anche a rivelare di più su come il virus infetta i polmoni e altri organi.

“L’anatomia della placenta è molto simile a quella dei polmoni e dell’intestino in via di sviluppo in determinate fasi”, ha detto Taglauer.

“E a differenza del tessuto polmonare o intestinale dei pazienti di COVID-19, possiamo mettere subito le mani su questo tessuto”.

Lo studio sulla placenta è stato finanziato dal Boston University Clinical and Translational Science Institute COVID-19 Pilot Grant Program (UL1TR001430), dai National Institutes of Health (1T32HD098061-01) e dal BU School of Medicine Medical Student Summer Research Program.

Covid-19, la discrepanza anticorpale a livello della placenta

Il secondo studio, pubblicato il 22 dicembre 2020 su JAMA Network Open, ha trovato analogamente che le donne incinte con COVID-19 non trasmettono il virus ai neonati, ma ha anche scoperto che le madri possono trasmettere meno anticorpi protettivi del previsto.

Uno studio di follow-up dei membri dello stesso team, pubblicato lo stesso giorno su Cell, amplia i risultati degli anticorpi.

Lo studio JAMA ha incluso 127 donne incinte nel loro terzo trimestre che hanno ricevuto cure in tre ospedali di Boston tra il 2 aprile e il 13 giugno 2020.

Tra le 64 donne che sono risultate positive al test per la SARS-CoV-2, gli investigatori non hanno rilevato alcun virus nel sangue del cordone ombelicale o della madre, nonostante il rilevamento nel sistema respiratorio delle donne.

Non hanno trovato alcun segno del virus nella placenta, e nessuna prova di trasmissione virale ai neonati.

Il team ha scoperto che, sebbene la maggior parte delle donne che sono risultate positive al test abbia sviluppato risposte anticorpali contro le proteine SARS-CoV-2, il trasferimento da madre a neonato di questi anticorpi attraverso la placenta è stato significativamente inferiore rispetto al trasferimento di anticorpi contro l’influenza.

Il trasferimento di anticorpi attraverso la placenta al feto è tipicamente più alto nel terzo trimestre, quindi è stato inaspettato vedere una tale riduzione rispetto agli anticorpi influenzali, ha detto il primo autore Andrea Edlow, assistente professore di ostetricia, ginecologia e biologia riproduttiva al Mass General.

Il team ha trovato che alcuni anticorpi funzionali sono stati in grado di attraversare la placenta a causa di aumenti indotti da infezione aumenti di anticorpi materni totali così come più alta espressione placentare dei recettori che si legano al modello di carboidrati alterata anticorpo.

Alcuni degli anticorpi che hanno trasferito il meglio erano anche i più funzionali, hanno scoperto i ricercatori.

I risultati di entrambe le pubblicazioni hanno implicazioni per la progettazione e la somministrazione di vaccini COVID-19 alle persone incinte, hanno detto gli autori.

Comprendere come il trasferimento di anticorpi varia a seconda del trimestre può indicare finestre critiche in gravidanza per la vaccinazione per ottimizzare la protezione neonatale e infantile.

“Stiamo cominciando a definire le regole del trasferimento degli anticorpi placentali della SARS-CoV-2 per la prima volta, catalizzando la nostra capacità di progettare razionalmente i vaccini per proteggere le donne incinte e i loro neonati”, ha detto Galit Alter, professore di medicina HMS al Mass General, autore senior del documento JAMA Network e co-senior autore del documento Cell.

La pubblicazione su Jama su placenta e COVID-19

edlow_2020_oi_200960_1607964328.94511

Per approfondire:

Salute materno-infantile, in Nigeria una donna ogni ventidue perde la vita durante la gravidanza o per l’evento parto

I neonatologi (Sin): “Contraendo il Covid a fine gravidanza, aumentano del 10% i parti pretermine”

III Congresso dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (Waidid): in gravidanza proteggersi da influenza e pertosse

Fonte dell’articolo:

Harvard Medical School official website

I commenti sono chiusi.