Sant'Orsola di Bologna, doppio trapianto di polmoni in contemporanea: in 100 al lavoro

Doppio trapianto di polmoni, in contemporanea, su due pazienti in gravi condizioni. Lo ha portato a termine l’Irccs-Policlinico Sant’Orsola di Bologna, nella notte tra il 26 e il 27 ottobre.

Si tratta di una donna di 60 anni con una grave forma di fibrosi polmonare, che tra l’altro poche settimane prima aveva dovuto rinunciare al trapianto perché positiva al covid. Ma per fortuna i test successivi, a distanza di tempo, hanno dato esito negativo ed è riuscita a sottoporsi all’intervento grazie anche a un provvidenziale nuovo polmone diventato disponibile.

DOPPIO TRAPIANTO IN CONTEMPORANEA: DUE POLMONI DISPONIBILI NELLO STESSO MOMENTO

Storia diversa per un uomo di 43 anni, affetto da una grave forma di insufficienza respiratoria acuta per una malattia autoimmune, peggiorato al punto da essere ricoverato d’urgenza e mantenuto con la respirazione extracorporea.

Entrambi erano in lista d’attesa da qualche settimana e quella notte di ottobre sono arrivate in successione due telefonate dal Centro trapianti, che annunciavano la disponibilità di due polmoni: uno a Monza e uno a Treviso.

Dopo un primo tentennamento, riferiscono i professionisti del Sant’Orsola, oggi in conferenza stampa, è stato deciso di operare entrambi i pazienti in contemporanea.

“Sarebbe stato un evento speciale in tempo di ‘pace’ dal covid- sottolinea la direttrice del Policlinico, Chiara Gibertoni- lo è a maggior ragione oggi.

Io stessa sono rimasta sorpresa di questo intervento.

Il trapianto di polmone è molto complesso e farne due in contemporanea è un doppio segnale di speranza per il nostro sistema sanitario”.

UN CENTINAIO DI PERSONE COINVOLTE NELL’INTERVENTO SANITARIO CHE HA CONSENTITO UN DOPPIO TRAPIANTO DI POLMONE IN CONTEMPORANEA

In tutta fretta sono state quindi organizzate due equipe per andare a espiantare gli organi e altre due equipe per eseguire i trapianti al Sant’Orsola.

In tutto, nell’arco delle 24 ore necessarie a completare l’operazione, hanno ruotato “almeno un centinaio di persone- sottolinea Giampiero Dolci, responsabile del percorso trapianto del polmone al Policlinico- è stata una sovrapposizione mai affrontata prima.

Già normalmente è molto complicato organizzare un trapianto, in periodo covid con meno posti letto e meno personale lo è ancora di più.

Ma ce l’abbiamo fatta”.

AL SANT’ORSOLA 10 TRAPIANTI DI POLMONI IN UN ANNO

Nonostante la pandemia in atto, il Sant’Orsola di Bologna è arrivato quest’anno al decimo trapianto di polmone.

“Un numero storico– rimarca Piergiorgio Solli, direttore della chirurgia toracica metropolitana- raggiunto solo un’altra volta in precedenza”.

In questi mesi, rivendica Gaetano Gargiulo, responsabile dei percorsi innovativi per il potenziamento della rete trapiantologica regionale, “non è mai stato rifiutato un trapianto a causa del covid.

Anche i trapianti di fegato e di rene sono andati avanti, seppur con un piccolo calo fisiologico dovuto alla situazione generale.

È importante, per dare una speranza a questi pazienti che non hanno altre possibilità”.

A livello nazionale sono 10 i centri che eseguono trapianti di polmone, con una media di 120-150 interventi all’anno.

Sono numeri inferiori rispetto ad altri tipi di trapianti perché si parla di “un organo molto fragile- spiega Solli- solo una volta su cinque i polmoni donati sono idonei al trapianto”.

Al Sant’Orsola, però, “abbiamo le strumentazioni più innovative per allargare il bacino delle donazioni utili”.

PER APPROFONDIRE:

COVID-19, come stanno i vostri bambini? Pediatri del S.Orsola di Bologna lanciano sondaggio ai genitori

Emilia-Romagna arancione per numero ricoveri, il direttore di Malattie Infettive S.Orsola Viale: “Ben venga”

COVID-19, è iniziata l’era del doppio trapianto polmonare: i casi in Sud Corea e Stati Uniti

FONTE DELL’ARTICOLO:

Agenzia Dire

I commenti sono chiusi.