Ictus e COVID-19, caso clinico di 4 pazienti con malattie cardiovascolari e neurologiche

Ictus e COVID-19 – Diversi pazienti affetti da coronavirus presentavano malattie cardiovascolari e neurologiche. Qui riportiamo 4 casi di pazienti con coronavirus ma presumibilmente sospettati di avere un ictus, ma avevano entrambi.

ICTUS ACUTO E COVID-19

L’ictus acuto rimane un’emergenza medica anche durante la pandemia COVID-19.

È stata studiata una serie di quattro pazienti con COVID-19 che presentavano ictus acuto al fine di comprendere meglio come ottenere entrambe queste malattie in un paziente.

I ricercatori del Northwell Health Staten Island University Hospital (NY) hanno cercato nei database dell’ospedale i pazienti che presentavano ictus acuto e caratteristiche concomitanti di sospetta infezione da COVID-19.

In questo studio sono stati inclusi tutti i pazienti che avevano evidenza radiografica di ictus e infezione da coronavirus confermata dalla PCR, ottenendo il consenso esplicito.

A fine articolo trovate il PDF completo dello studio, con l’analisi del singolo caso paziente con foto.

Ictus e COVID-19: valutazione dei pazienti

Secondo lo studio, i seguenti casi sono stati i primissimi casi di infezione da COVID-19 confermata dalla PCR che si presentavano con un accidente cerebrovascolare.

Il 5,7% dei pazienti con infezione grave ha sviluppato la malattia cerebrovascolare più tardi nel corso della malattia (Mao et al., 2020), mentre l’incidenza di ictus nei pazienti COVID-19 è stata di circa il 5% con un’età media di 71,6 anni (Li et al. al., 2020).

Questi pazienti erano associati a una malattia grave e avevano una maggiore incidenza di fattori di rischio come ipertensione, diabete, malattia coronarica e precedente malattia cerebrovascolare.

Livelli elevati di CRP e D-dimero, indicanti uno stato infiammatorio elevato e anomalie con la cascata della coagulazione.

Questi potrebbero svolgere un ruolo nella fisiopatologia dell’ictus nel contesto dell’infezione da COVID-19 (Li et al., 2020).

Nonostante queste segnalazioni, tutti e quattro i casi si presentano con un danno cerebrovascolare nelle prime fasi della loro malattia.

È noto che recenti infezioni batteriche o virali causano ictus aumentando il rischio di eventi embolici cardioembolici e arterio-arteriosi (Grau et al., 1998).

L’esatta fisiopatologia alla base di questi incidenti cerebrovascolari deve ancora essere determinata.

Le équipes che trattano pazienti con ictus devono tenere in considerazione che pazienti che presentino patologie cerebrovascolari non necessariamente risulteranno affetti dal coronavirus, ma ad ogni buon conto dovrebbero approcciarsi al paziente adeguatamente protetti da dpi.

Dovrebbero essere sviluppati piani per non trascurare la gestione degli accidenti cerebrovascolari acuti, anche se il controllo dell’infezione da COVID-19 è la nostra più grande priorità.

Sono necessarie ulteriori ricerche per identificare le implicazioni neurologiche della malattia COVID-19.

STROKE E CORONAVIRUS, LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE DEL CASE REPORT

ICTUS COVID-19 stroke

PER APPROFONDIRE:

READ THE ENGLISH ARTICLE

STROKE, I TRE PUNTI FONDAMENTALI PER RICONOSCERE L’ICTUS

FONTE DELL’ARTICOLO:

SCIENCE DIRECT

I commenti sono chiusi.