Anestesista, una figura essenziale in sala operatoria e nella medicina d'emergenza

L’anestesista è una figura professionale laureata in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Anestesiologia e Rianimazione ed è la sola a poter applicare le metodologie anestetiche su un paziente secondo la normativa in vigore.

 

Anestesista, l’iter formativo

L’anestesista è un medico a tutti gli effetti che dopo la laurea si specializza in Anestesia, Rianimazione e Terapia del Dolore praticando nell’ambito dei tirocini nelle diverse branche della chirurgia.

Impiego

L’anestesista, contrariamente alla credenza popolare, non ha semplicemente il compito di somministrare i farmaci anestetici ma ha anche il compito di valutare il quadro clinico del paziente per mantere regolari o ottimizzare le funzioni vitali del paziente.

Svolge perciò un compito coadiuvante a quello del chirurgo con il fine di assicurare il benessere del soggetto operato.

E’ compito dell’anestesista prevedere eventuali complicazioni durante l’intervento e le relative soluzioni.300px-Anestesista

Nel dettaglio delle fasi lo specialista in Anestesia si assicura delle condizioni preoperatorie e della terapia in corso seguita dal paziente (fase preoperatoria), attua le metodologie anestetiche adeguate in relazione allo stato del paziente (fase operatoria) e monitora il paziente a fine intervento fino a che non si ha il ripristino delle funzioni vitali (fase postoperatoria).

PER APPROFONDIRE:

DUE ITALIANI NOMINATI NELLA FEDERAZIONE MONDIALE DI ANESTESIOLOGIA

APPELLO DI ANESTESISTI E RIANIMATORI PER LA SCUOLA DI SPECIALITA’ IN CURE PALLIATIVE

ANESTESIA E RIANIMAZIONE, LA GESTIONE DEL PAZIENTE COVID-19

CARDIOCHIRURGIA SOTTO IPNOSI: CE LA SPIEGA L’ANESTESISTA DEL NIGUARDA

I commenti sono chiusi.