Covid-19, da Croce Rossa supporto psicologico per il personale di Polizia Penitenziaria

Avviata una collaborazione grazie a un accordo tra il Segretario Generale della Croce Rossa Italiana Flavio Ronzi e il il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini per rendere disponibile già da oggi, per tutto il personale del Corpo di Polizia Penitenziaria impegnato a fronteggiare l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 all’interno degli istituti, un servizio di supporto psicologico telefonico offerto dalla Croce Rossa Italiana. Un’attività di sostegno già portata avanti da psicologi professionisti, è già attivata dalla CRI per tutti gli operatori sanitari che sono operativi nel contrastare l’emergenza coronavirus.

Covid-19 e Polizia Penitenziaria, le dichiarazioni

“Si tratta di una lodevole iniziativa – ha sottolineato il capo del DAP – per la quale ringrazio il Segretario Generale e i professionisti della Croce Rossa. Le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria sono impegnati in uno sforzo immane per garantire non solo la sicurezza dei cittadini, ma anche le misure di prevenzione e contenimento della pandemia. E per questo da oltre un mese sono sottoposti a forte pressione psicologica che riguarda il rischio di contagiare loro stessi e i propri familiari”.

Croce Rossa – dice il Segretario Generale Flavio Ronzi – anche con questo ampliamento del servizio di assistenza e sostegno psicologico intensifica il supporto per tutti coloro che sono in prima linea nel contenimento e nel contrasto del Covid-19 mettendo a disposizione tutti i suoi strumenti e le sue professionalità”.

Per accedere al servizio di supporto e assistenza della Croce Rossa Italiana basta contattare la linea dedicata al numero 06.5510 (opzione 5), dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle 20.

I commenti sono chiusi.