Covid-19, la East Anglia University: farmaci antipertensivi migliorano i tassi di sopravvivenza al coronavirus

COVID-19: secondo una nuova ricerca dell’Università dell’East Anglia, i farmaci antipertensivi (per l’ipertensione, cioè per mitigare la pressione alta) potrebbero migliorare i tassi di sopravvivenza del COVID-19 e ridurre la gravità dell’infezione.

 

COVID-19 E FARMACI ANTIPERTENSIVI, LA SCOPERTA DEI RICERCATORI

I ricercatori hanno studiato 28.000 pazienti che assumevano antipertensivi, una classe di farmaci usati per trattare l’ipertensione (pressione alta).

Hanno quindi scoperto che il rischio di sviluppare una forma grave da COVID-19 e di un esito letale veniva ridotto nei pazienti con pressione alta che stavano assumendo inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACEi) o bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB).

FARMACI ANTIPERTENSIVI, IL CAPO DEI RICERCATORI SU COVID-19

Il ricercatore capo Dr. Vassilios Vassiliou, della Norwich Medical School dell’UEA, ha dichiarato: “Sappiamo che i pazienti con malattie cardiovascolari sono particolarmente a rischio di grave infezione da COVID-19.

Ma all’inizio della pandemia, c’era la preoccupazione che farmaci specifici per la pressione sanguigna potrebbe essere collegata a esiti peggiori per i pazienti COVID-19.

Volevamo scoprire qual è l’impatto di questi farmaci per le persone con COVID-19.

Abbiamo quindi studiato i risultati per i pazienti che assumevano antipertensivi, esaminando in particolare quelli che chiamiamo risultati” critici “come l’ammissione alla terapia intensiva o il ventilatore e la morte”.

Un esito perciò sorprendente, rispetto alle premesse iniziali.

La ricerca è stata condotta dall’UEA in collaborazione con il Norfolk e il Norwich University Hospital.

Il team ha analizzato i dati di 19 studi relativi ai farmaci COVID-19, ACEi e ARB.

La meta-analisi ha coinvolto più di 28.000 pazienti ed è il più grande e dettagliato studio di questo tipo fino ad oggi.

Hanno confrontato i dati dei pazienti COVID-19 che stavano assumendo farmaci ACEi o ARB con quelli che non lo erano, concentrandosi sul fatto che abbiano sperimentato eventi “critici” (ricovero in terapia intensiva e ventilazione invasiva o non invasiva) e morte.

Il dottor Vassiliou ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che un terzo dei pazienti con COVID-19 con pressione alta e un quarto dei pazienti in generale stavano assumendo un ACEi / ARB.

Ciò è probabilmente dovuto al crescente rischio di infezione in pazienti con comorbilità come come malattie cardiovascolari, ipertensione e diabete.

GLI ESITI DELLA RICERCA

Ma la cosa veramente importante che abbiamo dimostrato è che non ci sono prove che questi farmaci possano aumentare la gravità del COVID-19 o il rischio di morte.

Al contrario, abbiamo scoperto che c’era un rischio di morte significativamente inferiore e di esiti critici, quindi potrebbero effettivamente avere un ruolo protettivo, in particolare nei pazienti con ipertensione.

I pazienti COVID-19 con pressione alta che stavano assumendo farmaci ACEi / ARB avevano 0,67 volte meno probabilità di avere un esito critico o fatale rispetto a quelli che non assumevano questi farmaci.

Mentre il mondo si prepara a una potenziale seconda ondata di infezione, è particolarmente importante che comprendiamo l’impatto che questi farmaci hanno sui pazienti COVID-19.

La nostra ricerca fornisce prove sostanziali per raccomandare l’uso continuato di questi farmaci se i pazienti li stavano già assumendo.

Tuttavia, non siamo in grado di stabilire se l’avvio acuto di tali compresse nei pazienti con COVID-19 possa migliorare la loro prognosi, poiché il meccanismo d’azione potrebbe essere diverso”, ha aggiunto”.

PER APPROFONDIRE:

FARMACI PER LA PRESSIONE E CORONAVIRUS: LO STUDIO DELL’UNIVERSITA’ DI MILANO-BICOCCA

FONTI DELL’ARTICOLO:

MEDICAL X PRESS

SITO UFFICIALE UNIVERSITY OF EAST ANGLIA

I commenti sono chiusi.