Trasporto sanitario e fisco: il servizio dell’ambulanza è detraibile?

L’ambulanza è il mezzo di trasporto sanitario del paziente per eccellenza, e questo è un fatto immancabilmente vero. Ma il trasporto sanitario ha differenti livelli di gravità ed urgenza, e per alcuni è il mezzo per far giungere un proprio congiunto all’ospedale per le cure e per compiere il percorso inverso.

 

Alcune patologie sono purtroppo progressive, e ad un certo punto esigono la presenza di personale formato, in grado di intervenire in caso di crisi di qualsivoglia natura.

TRASPORTO SANITARIO, IL RAPPORTO TRA AMBULANZA E FISCO

L’ambulanza, in alcune situazioni (in coda all’articolo un link che entra più nello specifico di questo aspetto), è perciò anche un costo.

Il paziente o la sua famiglia possono detrarre questo costo dalla dichiarazione dei redditi?

Sarebbe sciocco dare una risposta univoca, dato che fortunatamente il nostro Sistema Sanitario Nazionale tiene ancora conto del reddito delle persone, e i poveri hanno in Italia ancora diritto ad accedere alle cure di cui abbisognano.

Una risposta universalmente vera, però, riguarda la detrazione dall’IRPEF.

Citando il documento dell’Agenzia delle Entrate, che potete leggere nella versione completa, sono detraibili al 19%, fatta salva la franchigia.

TRASPORTO SANITARIO, IL TESTO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

trasporto sanitario detraibile Guida_Spese_Sanitarie

Altro riferimento importante, sul piano fiscale, è stato ancora emanato dall’Ufficio Entrate: si tratta della circolare 13/2019 che detta le regole per il visto di conformità da parte dei CAF.

CIRCOLARE N 13 CORRETTA SENZA INDIRIZZI

Dal testo si evince che la detraibilità del trasporto sanitario in ambulanza è subordinato al riconoscimento dell’invalidità determinata dalla condizione o dalla patologia.

Il certificato di invalidità del paziente deve avere data precedente alle fatture che si intende detrarre dalla dichiarazione dei redditi.

Ecco che quindi la situazione è questa: il profilo fiscale dei cittadini italiani è variegato, alla domanda se il trasporto in ambulanza è detraibile non esiste una risposta univoca.

Soprattutto se consideriamo un ulteriore fattore di cui non abbiamo fatto cenno, cioé la regionalizzazione della Sanità.

Ma siamo certi che nei documenti allegati siano incluse le risposte che la stragrande maggioranza dei lettori può avere dentro di se.

PER APPROFONDIRE:

LA BARELLA: MODELLI E UTILIZZI DEL TUO PRIMO ALLEATO SULL’AMBULANZA

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DELLE ENTRATE

I commenti sono chiusi.