COVID-19, l'anticorpo monoclonale di Toscana life sciences sembra essere il più sicuro al mondo

Il presidente della Regione Eugenio Giani ha spiegato che l’anticorpo monoclonale di Toscana life sciences “sembra essere fra i 5 centri al mondo quello più vincente”. Secondo il governatore i prodotti dovrebbero arrivare dalla Menarini a fine aprile

Toscana life sciences ha sviluppato un anticorpo monoclonale COVID-19 di valore assoluto

L’anticorpo monoclonale di Toscana life sciences “sembra essere fra i 5 centri al mondo quello più vincente.

Proprio in questi giorni iniziano la sperimentazione sull’uomo e i prodotti dovrebbero arrivare, mi ha detto Lucia Aleotti, presidente della Menarini la società che li produce, a fine aprile“.

Lo afferma il governatore della Toscana, Eugenio Giani, parlando all’evento Invest in Tuscany dello sviluppo dei farmaci anti-Covid da parte del team di ricercatori coordinati da Rino Rappuoli.

“Ci stiamo trovando su questa frontiera- aggiunge- un po’ come ci siamo spesso trovati, dal dramma alla capacità di rimbalzo, alla rigenerazione“.

Gli esempi sono ad avviso di Giani “la peste del 1348 che dette l’impulso al Rinascimento o l’alluvione del 1966, che rappresentò una spinta per creare il più importante centro di restauro al mondo”.

Per approfondire:

Covid, sono italiani gli anticorpi monoclonali più promettenti: il lavoro di Toscana Life Science

COVID-19, quale il significato clinico degli anticorpi IgG anti-SARS-CoV-2 specifici?

COVID-19, l’efficacia dell’anticorpo neutralizzante LY-CoV555 in pazienti ambulatoriali: uno studio su The New England Journal of Medicine / PDF

Anticorpi diagnostici, la creazione di farmaci grazie ai biomarcatori: lo studio di “Tor Vergata” su Nature Communications

COVID-19, i ricercatori puntano sui nanoanticorpi: in Svezia, Karolinska Institutet presenta studio su Sybody 23 / PDF

Fonte dell’articolo:

Agenzia Dire

I commenti sono chiusi.