Storia delle ambulanze: Grazia, 62 anni che hanno segnato il soccorso in Italia

foto 059
Foto 59: modernizzato anteriormente nella linea, con una meccanica più prestante, il Fiat 900E rinverdisce i fasti delle precedenti 600 ed 850 nei parchi auto di moltissime realtà nazionali, specialmente di regioni come la Liguria caratterizzate da cronica mancanza di spazi –foto da depliant

Non è da trascurare nemmeno il settore delle piccole: quando, nel 1976, la Fiat lancia il nuovo 900E, che sostituisce la dinastia nata come 600T una quindicina di anni prima ed evolutasi poi come 850, anche Grazia non si lascia sfuggire l’occasione di rinnovare i fasti delle ambulanze su questo telaio, la cui richiesta continua ad essere notevole.

 

Parecchi anni dopo, siccome la richiesta di mezzi di dimensioni contenute continua ad essere elevata ma viceversa i 900E cominciano a scarseggiare, Grazia allestisce anche altre basi meccaniche, come il Subaru 4×4.

Citroen cx e Renault Espace sono invece svolgimenti sul tema ambulanza da viaggio, la prima in virtù del confort di marcia ineguagliabile, la seconda per lo spazio a disposizione decisamente maggiore.

Da segnalare anche gli allestimenti di telai poco comuni che continuano negli anni 80, per esempio su Iveco Daily 4×4 prima serie: una meccanica, quella dell’Iveco in tutte le sue varianti ed evoluzioni utilizzata molto spesso dal carrozziere bolognese.

Foto 61: Citroen CX tetto basso, rilevata da familiare; l’alloggiamento del cucchiaio è ricavato a lato della barella in un apposito vano– foto da depliant Grazia
Foto 62: Renault Espace seconda serie realizzato sulla normale monovolume francese – foto da depliant Grazia
Foto 63: altra collaborazione con una realtà estera, stavolta la francese Baboulin, per commercializzare adattandola ai gusti italiani la nuova Renault Espace a passo lungo e tetto alto -foto da depliant Grazia
Foto 64: i 40 cm in più permettono un migliore sfruttamento dello spazio, che risulta anche visivamente molto arioso per la presenza del divisorio trasparente; gli interni sono realizzati nelle officine bolognesi secondo lo stile del carrozziere- foto da depliant Grazia
2 Commenti
  1. Cory Obrist dice

    Anche sul territorio di Valmadrera arriveranno alcuni richiedenti asilo politico, nell ambito del progetto di accoglienza diffusa che prevede nella nostra Provincia un nuovo modello per la loro distribuzione sul territorio, in piccoli gruppi che consentano di superare le grandi

  2. Edoardo130 dice

    Complimenti per l’articolo molto interessante. Erano anni che cercavo documentazione sulla 130 trasformata da Grazia.

I commenti sono chiusi.